Nuove forme e interpretazioni per reinventare ciò che viene fatto da sempre

Comunicazione e packaging: quando un dettaglio si trasforma in zavorra

In Packaging, Redazionali on 13 ottobre 2012 at 8:00 am

Qualche giorno fa, sulle pagine del blog “La nuvola del lavoro” del Corriere della Sera, Claudia Neri ha affrontato un tema interessante che nello specifico prende di mira il packaging (o meglio l’assenza di packaging) dei prodotti alimentari italiani, ma che in generale suona come un campanello d’allarme per l’immagine dell’intero Made in Italy all’estero.
L’articolo probabilmente ispirato ai dati delle ultime ricerche di mercato sulle esportazioni del settore alimentare che vedono altri Paesi prevalere nettamente sull’Italia, ha ricevuto diversi commenti e apre diversi spunti di riflessione.

La grande tradizione del design italiano e della comunicazione visiva, epoca in cui la cultura del progetto sposava quella delle grandi realtà industriali del nostro Paese, sembra essere finita nei musei.
Basta fare un giro alla mostra TDM5 in Triennale a Milano, per guardare con nostalgia ad un passato che sembra lontano anni luce dalla realtà italiana dei nostri giorni.

All’estero sugli scaffali dei supermercati i prodotti italiani si trovano a competere con i cloni stranieri, dei prodotti italian-fake dal “suono italiano” che, nonostante una qualità nettamente inferiore, riescono ad avere più mercato grazie a una comunicazione visiva e un packaging a passo con i tempi.

“Dagli anni ’80 in Italia le grandi aziende italiane e le agenzie di pubblicità hanno stabilito che per vendere prodotti alimentari si deve utilizzare un’iconografia rassicurante e fumettosa, con immagini per adulti-bambini.
Il consumatore italiano ormai sa quali sono i canoni e di più non chiede.
La “shopping class” globalizzata ad esempio negli anni ha scoperto il gusto per la pulizia del minimalismo nelle confezioni.
Purezza anche tipografica, niente ombre e sfumature.
Packaging che fanno uso di fotografie belle per davvero.
Sarà quindi colpa di complessi fattori macroeconomici se nei supermercati da Dubai a Filadelfia i prodotti italiani veri sono finiti sullo scaffale del food etnico, mentre quelli degli italian fake, fatturano (a nostro danno) ma di sicuro il packaging 1.0 non aiuta. Chissà che i recenti dati dell’export in questo settore convincano qualche azienda italiana che il mondo sarà pure globalizzato, ma il packaging nazional popolare post carosello, a differenza della cucina Made in Italy, non è esportabile”.

Un tema questo, che purtroppo non riguarda solo il settore alimentare, ma una parte consistente dell’intera cultura aziendale italiana, artigianale compresa.

La presunzione con cui si continua a sottovalutare l’importanza di una comunicazione visuale degna di questo nome è in moltissimi casi, imbarazzante.

Packaging, siti web, contenuti, pubblicità, senza un minimo di cura, gusto, eleganza, e sensibilità una comunicazione tragicamente approssimativa, provinciale quando non addirittura autolesionista, sono ormai il biglietto da visita di molte o troppe realtà italiane.
E’ davvero sconfortante constatare come ogni giorno risorse, tempo e mestiere vengano vanificate o zavorrate da inutili sciocchezze, e  da un’ignoranza disarmante.

Carlo Cazzaniga

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: