Nuove forme e interpretazioni per reinventare ciò che viene fatto da sempre

L’Italia di oggi come la Repubblica di Weimar? Più differenze che analogie

In Redazionali on 6 aprile 2013 at 8:00 am

pupazzi-elettorali«Tutti i periodi storici infausti hanno qualche tratto comune, come l’hanno tutti i matrimoni mal riusciti».

Non è una frase nostra ma la frase con la quale Walter Laqueur parafrasò il suo saggio “La repubblica di Weimar” negli anni ’60 a dei commentatori statunitensi.

Ironia azzeccata poiché l’economia americana era in piena espansione, le istituzioni funzionanti e all’orizzonte non si vedevano forze in grado di destabilizzare la democrazia.

Come si vede l’analogia con la Repubblica di Weimar è un luogo comune ricorrente dell’analisi politica.

Il paragone venne per esempio suggerito in Italia attorno al 1992-94, nel passaggio tra la Prima e Seconda Repubblica e, a maggior ragione viene resuscitato oggi, nel pieno di una crisi politica che se non si sblocca porterà ad altre elezioni.

La storia della Repubblica di Weimar si snoda tra la terribile inflazione del 1920 (un milione di marchi per un dollaro) successiva all’iniquo trattato di Versailles ed al fenomeno della Grande Depressione del 1929, che provocò sei milioni di disoccupati.
È in questo contesto, negli scontri sociali e politici che videro l’instaurazione e la soppressione di Repubbliche comuniste dei Consigli, putch di destra a Berlino e a Monaco (nel ’23 Hitler fu arrestato e condannato a cinque anni), che bisogna leggere il succedersi delle nove consultazioni elettorali che furono teatro in Germania dal 1919 al 1933.

Ma Weimar non rappresentò solo conflitto e instabilità istituzionale.
Fu il periodo della grande cultura tedesca, dall’Espressionismo al teatro di Brecht.

Il paragone con l’Italia di oggi serve a darci lo sprone, ma le differenze a tutti i livelli sono ancora più forti delle analogie.

Carlo Cazzaniga

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: