Nuove forme e interpretazioni per reinventare ciò che viene fatto da sempre

“Davide contro Golia: Strategie di nicchia per la crescita delle aziende italiane”

In Formazione on 21 giugno 2015 at 8:00 am

davide-contro-goliaOgni giorno, numerose aziende, piccole, medie e grandi, cadono vittime dell’inarrestabile tendenza al “consolidamento globale” e vengono comprate dai leader di mercato dominanti a livello mondiale.
Questo processo di consolidamento non risparmia nessun settore, al massimo viene rallentato da anacronistiche barriere protezionistiche, politiche o regolamentari.

Un libro ad otto mani.
Un testo del 2006 ma non per questo superato.
Con tutto il vantaggio di capire quanto e quali di queste teorie si sia effettivamente concretizzato.

Qual è il futuro delle imprese piccole e medie, e in particolare delle PMI italiane, struttura portante della nostra economia?
E quali sono le implicazioni per lo sviluppo dell’ Italia?

Gli autori hanno selezionato in un database mondiale di oltre 668.906 aziende pubbliche e private, quotate e non, le PMI di maggiore successo per studiare le strategie di “nicchia” che permettono a queste imprese di continuare a crescere sfidando a testa alta gli attacchi dei colossi ed evitando di divenire preda dei grandi gruppi con fattori di scala superiori.
Ne emergono nove strategie di “nicchia” vincenti che possono essere opportunamente combinate tra loro e adattate dinamicamente alle condizioni del mercato e del settore.

Link:      amazon.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: