Nuove forme e interpretazioni per reinventare ciò che viene fatto da sempre

Felice Accame: “Il linguaggio come capro espiatorio dell’insipienza metodologica”

In Formazione on 15 gennaio 2017 at 8:00 am

felice-accameNon c’è periodo storico del pensiero filosofico e non c’è disciplina scientifica in cui qualcuno, ad un certo snodo delle proprie argomentazioni, non abbia concluso che il linguaggio, perlopiù quel linguaggio che usiamo tutti i giorni ma anche quel linguaggio tanto speciale da essere utilizzato solo per dire cose speciali che si vorrebbero “perfette” quando non “esattissime”, non sia difettoso.

Neppure le religioni si sono esentate dall’unirsi al coro, tanto da far sospettare che, se “in principio era il Logos”, questo “Logos” fosse sbagliato.

Tuttavia, molte delle argomentazioni a sostegno di questa tesi fanno acqua da tutte le parti.
Nell’industriarsi a smontarle una per una, Felice Accame apre un vaso di Pandora che rivela tutta la sua veneficità.

Consapevolmente o meno, nel tentativo di perpetuare il dominio dell’uomo sull’uomo, si accusa il linguaggio per assolvere se stessi, da abusi di potere, da viltà e, perché no, da quell’inettitudine che, alla fine dei conti, risulta sagacemente funzionale alla buona salute dell’intero sistema su cui si basano le relazioni umane.

Link:   amazon.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: