Nuove forme e interpretazioni per reinventare ciò che viene fatto da sempre

Archive for the ‘Case history’ Category

“Legatoria Moderna”: la creatura di Eva Seminara

In Case history on 11 aprile 2021 at 8:00 am


Eva Seminara raccoglie l’eredità di una bottega di legatoria nata nel 1966, con sede a Udine in Palazzo Brazzà.
Nel 1999 ne diventa titolare, con il desiderio di custodire l’atmosfera artigiana del laboratorio, pur adeguando e modernizzando alcune attrezzature.
Leggi il seguito di questo post »

Julian Watts: scultura organica in legno

In Case history on 8 aprile 2021 at 8:00 am

In qualità di specialista in scultura presso l’Università dell’Oregon, Julian Watts non ha lavorato con il legno, ma con materiali sperimentali non convenzionali.
Tuttavia, dopo aver completato gli studi ed essere tornato nella nativa San Francisco, ha iniziato a lavorare in un laboratorio di mobili locale.
Lì, ha imparato e poi rafforzato le capacità di lavorazione del legno che alla fine lo hanno portato su un nuovo percorso creativo.
Leggi il seguito di questo post »

Platimiro Fiorenza: “corallaio”

In Case history on 29 marzo 2021 at 8:00 am

Nasce a Trapani nel 1944, e fin da bambino comincia a lavorare l’oro, l’argento, il corallo, a fare le sue prime incisioni, a conoscere le pietre. Figlio di un artigiano, orafo e corallaio, Platimiro Fiorenza ha mosso i primi passi nella bottega del padre.
Leggi il seguito di questo post »

Gjenge Makers: come generare dai rifiuti mattoni in plastica

In Case history, Materiali, Riciclo on 17 febbraio 2021 at 8:00 am

Nzambi Matee, un imprenditore di 29 anni di Nairobi, sta facendo la sua parte per combattere una conclamata crisi ambientale globale dovuta agli scarti dei prodotti plastici.
Lo fa riciclando borse, contenitori e altri prodotti di scarto per trasformarle in “mattoni“.
Blocchi, o più genericamente parallelepipedi, da usare per pavimentazioni e per altri impieghi attinenti all’edilizia.
Leggi il seguito di questo post »

IGR: una manifattura di occhiali nata dall’esperienza di un viaggio

In Accessori abbigliamento, Case history on 15 febbraio 2021 at 8:00 am

IGR è l’acronimo di Luca Gnecchi Ruscone.
L’azienda omonima produce occhiali dal 2005, anno in cui lo stesso Ruscone si recò all’Asmara per un viaggio.
Un viaggio dalle sfaccettature romantiche, in compagnia del nonno ed in visita nei suoi vecchi negozi di ottica, che aprì dopo la guerra e che gli furono sequestrati nel ’74, al culmine della guerra civile e delle tensioni che ne derivarono.
Leggi il seguito di questo post »

Persico Marine: la fucina di Luna Rossa

In Case history, Curiosità on 10 febbraio 2021 at 8:00 am

Nella Val Seriana martoriata dal Covid la Persico ha costruito lo scafo che dal 6 marzo sfiderà New Zeland.
Qui ha assemblato il guscio della lama nera, tra tecnologia hi-tech e sapienza artigianale.
Nella sede della Persico, dimora il forno nel quale ha preso forma lo scafo.
Leggi il seguito di questo post »

Rancati: attrezzeria scenica al servizio dello spettacolo

In Case history on 4 gennaio 2021 at 8:00 am

La E. Rancati è una realtà attiva dal 1864 nell’ideazione e realizzazione di attrezzature sceniche per cinema, teatro, televisione.
Nei loro laboratori esperti artigiani creano, trasformano e adattano armi e armature, mobili, complementi d’arredo, gioielli e accessori, che trovano spazio in magazzini di oltre 5000 metri quadrati.
Leggi il seguito di questo post »

Saverio Pastor e il suo laboratorio veneziano

In Case history on 2 gennaio 2021 at 8:00 am

Saverio Pastor, allievo di maestri remèri di Venezia nel 2002 apre la sua attività. Il laboratorio “Le Forcole“: specializzato nella costruzione di remi e forcole per gondole veneziane, secondo le tecniche di realizzazione tradizionali, risalenti al Rinascimento.
Leggi il seguito di questo post »

Produrre burro secondo la filosofia di Jean-Yves Bordier

In Case history on 19 novembre 2020 at 8:00 am

Jean-Yves Bordier è un artigiano che fa del burro la sua cifra artistica.
Claudia Romeo, una giornalista di Food Insider lo ha incontrato per documentare i processi di produzione del burro francese presso il suo negozio di Bordeaux, rivelando i metodi lenti e lussuosi di produzione.
Leggi il seguito di questo post »

Gli artigiani del legno che sanno rimontare anche le vite difficili

In Case history on 11 novembre 2020 at 8:00 am

Fadabrav” è una falegnameria sociale negli spazi del Comune.
A Novara, mette al lavoro insieme ingegneri e ragazzi problematici. Di bello, altre che il progetto, c’è anche il nome: “Fadabrav”, da queste parti vuol dire “fai il bravo”, e anche mettiti d’impegno, o metticela tutta, provaci, e altre cose ancora.

Così si capisce entrando in questa Falegnameria sociale, altrove potrebbe essere l’insegna di un locale da aperitivi, ma è un vero laboratorio che profuma di legno e di colla, con gente che lavora, pialla e sega, intanto parla, si conosce, impara.
Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: