Nuove forme e interpretazioni per reinventare ciò che viene fatto da sempre

Posts Tagged ‘Ferro’

Marco Ripa: fabbro atipico

In Arredo, Case history on 11 giugno 2016 at 8:00 am

marco-ripaMarco Ripa ha iniziato come fabbro nell’officina dello zio, ma lui di ferro battuto non ne voleva sentire parlare. Formazione tecnica, letture su Sottsass e sulle opere di Calder.
Oggi si muove a piccoli passi ma ragiona in grande.
Affronta l’artigianato contemporaneo: librerie, sedie, tavoli, con un massimo di 100 pezzi.
Leggi il seguito di questo post »

Annunci

David Oliveira: arte con filo di ferro

In Arte on 6 novembre 2015 at 8:00 am

david-oliveraL’artista David Oliveira lavora con filo metallico in modo estraneo a qualunque convenzione.
Taglia e contorce il materiale in modo da farlo assomigliare ad uno schizzo a due dimensioni.
Riesce tuttavia ad ottenere risultati sorprendenti se si osserva il lavoro dalla giusta angolazione.

Talvolta, le grandi proporzioni di alcuni soggetti  esaltano ancora di più il processo creativo.
Leggi il seguito di questo post »

Tobbe Malm: bulloni in posa

In Arte on 1 aprile 2015 at 8:00 am

tobbe-malm.3

Anche utilizzando bulloni qualcuno riesce a ricavarne “poesia”.
Un fabbro, con una certa vena per la fotografia riesce a creare sculture dal significato insolito.

Il suo nome è Tobbe Malm. Il suo laboratorio è ad Oslo.
Afferma di aver cominciato la serie quando ha inciampato sui bulloni arrugginiti in un fienile in Bergsladen, Svezia.

Che sia verità o semplicemente leggenda ha saputo conferire ai bulloni stessi momenti di affetto, tristezza e dolore.
Leggi il seguito di questo post »

Le spille in ferro di Bettina Dittlmann

In Accessori abbigliamento on 19 agosto 2014 at 8:00 am

bettina-dittlmann
Le spille in ferro smaltato di Bettina Dittlmann sono delicate e complesse.
Prendono forma istintivamente nelle mani dell’artista mentre le lavora, senza necessità di disegnarle prima.

Per la colorazione vengono sovrapposti moltissimi strati di smalto che vengono cotti di volta strato in strato.
Bettina Dittlmann ha studiato arte orafa a Neugablonz e a Monaco e i suoi gioielli sono stati esposti in molte gallerie.
Leggi il seguito di questo post »

TavolinoMono: un ibrido tra tavolo e carriola

In Arredo on 22 luglio 2014 at 8:00 am

tavolino-monoUn po’ tavolo, un po’ carriola.
TavolinoMono ricorda i carretti dei venditori ambulanti ma si propone come un complemento pensato per seguire chiunque nel posto desiderato.

Nato da un’idea di Dario Rose, archeologo con una certa inclinazione per il design, è realizzato artigianalmente in soluzioni molteplici.
Il piano di appoggio è composto da doghe in frassino europeo oleato, la struttura metallica è sorretta da una ruota colorata.
Nessun distributore o rivenditore. La vendita è gestita direttamente on-line.
Leggi il seguito di questo post »

Porthole: infusioni a vista

In Oggettistica on 16 luglio 2013 at 3:30 pm

portholePorthole è il nome conferito a questo infusore di vetro.
Disegnato da Crucial Detail Design di Chicago è presente sul sito di crowdfunding Kickstarter.

E’ composto da uno scheletro in ferro e da due dischi in vetro, attraverso i quali si può intravedere il livello del liquido al suo interno.

Porthole serve per preparare condimenti ed emulsioni adatti per insaporire portate e cocktails di ogni genere.
La sua forma e la sua capacità di alloggiamento permette di disporre il contenuto in modo geometricamente estetico.
Leggi il seguito di questo post »

Il pizzo in ferro per Gestion René Desjardins .

In Arredo, Ispirazioni on 20 febbraio 2013 at 8:00 am

Gestion-René-Desjardins

Al primo sguardo sembra una pannellatura posta come parapetto a un vano scala.
Invece, centinaia di elementi cilindrici saldati tra loro, sono il requisito principale di questa realizzattazione in ferro.

Un motivo ripetitivo che alterna spazi vuoti con spazi pieni ingannando lo sguardo come fosse un elemento continuo.

Il progetto Iron Lace è frutto dell’intuizione di Gestion René Desjardins.
Un progetto che mette in primo piano come elementi inusuali possano diventare alternative alle linee progettuali maggiormente percorse, magari recuperando sfridi di lavorazione.
Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: