Nuove forme e interpretazioni per reinventare ciò che viene fatto da sempre

Posts Tagged ‘Penne’

Pen-Uno: semplicità meccanica per una penna a sfera

In Meccanica on 26 gennaio 2016 at 8:00 am

pen-uno.1Si chiama PEN UNO, ed è una piccola penna che fa del minimalismo meccanico la sua peculiarità principale.
E’ frutto della sintesi creativa di ENSSO, un brand di recente fondazione da Carlo Aiello, con sede nella lontana Los Angeles.

Il tappo di chiusura per la ricarica si svita. Così come per scoprire il frontespizio della sfera frontale.
La ricerca di refil di dimensioni ridotte, ha permesso di utilizzare una barra di diametro molto ridotto.
Leggi il seguito di questo post »

Una penna a gangli magnetici

In Oggettistica on 4 ottobre 2014 at 8:00 am

modular-magnetic-pen

La penna è costituita da anelli metallici magnetizzati.
Gli stessi costituiscono il fusto portante dell’oggetto.
Scomponendola nei singoli segmenti diventa un buon ausilio per tracciare anche una circonferenza.

Nell’era delle tecniche digitali, possederla potrebbe essere solo un vezzo.
Eppure mostra la sua utilità.
Leggi il seguito di questo post »

Appendere una Bic al collo non è mai stato così facile

In Ispirazioni on 24 agosto 2012 at 5:30 am


L’idea di questi gioiellieri home-made ha voluto essere sicuramente un tributo alla penna più utilizzata del mondo.
Dopo aver realizzato uno stampo apposito, vi hanno colato al suo interno argento fuso.

Il risultato finale è stato quello di un tappo in argento,  copia conforme del medesimo pezzo in plastica montato su una Bic originale.

Il ciondolo in oggetto, oltre che diventare un pendente iconografico, funge anche da astuccio di supporto da portare sempre al collo una penna intercambiabile.
L’idea che vi presentiamo proviene da Melbourne e più precisamente dai gioiellieri home-made di Chewed by Teustay.

Per essere coerenti con quella componente ironica ed informale che li contraddistingue, hanno inoltre pensato di proporlo in un’ulteriore versione…….. quella masticata.
Leggi il seguito di questo post »

Baltz: quando una penna è ancora artigianale

In Case history on 30 maggio 2012 at 8:00 am


Bart Creasmane e Cass Baltz giocano a calcio insieme, ai tempi del Davidson College. Un’amicizia che prosegue anche quando, dopo la scuola, Cass si trasferisce a Raleigh, capitale della Carolina del Nord, per lavorare come ebanista nel negozio del padre.

Qui rimane folgorato dalla bellezza di una penna Montblanc Meisterstück, e cresce in lui la voglia di approfondirne la storia.

Così a 26 anni, dopo aver coinvolto l’amico Bart di poco più grande e lasciato le rispettive occupazioni, fondano insieme la Baltz Fine Writing Instruments, nel settembre del 2011.
Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: